OOH tridimensionale: ecco gli spettacolari atleti giganti di JR

Il protagonista principale dell’estate appena trascorsa è stato indubbiamente uno: lo sport.  Come ben saprete infatti, dal 5 al 21 Agosto 2016 – a Rio de Janeiro si sono svolti i Giochi della XXXI Olimpiade.

 

Un evento davvero speciale che, come ogni 4 anni, ci ha fatto divertire ed emozionare di fronte a vittorie inaspettate e gare sportive  davvero coinvolgenti. A rendere l’atmosfera ancora più unica e festosa sono state anche le tantissime iniziative che hanno avuto luogo per la promozione e celebrazione dell’evento.

Tra le più belle, sicuramente le opere dell’artista francese JR, una vera e propria esplosione di fisicità e spettacolarità di dimensioni davvero faraoniche. Si tratta di due installazioni giganti di OOH tridimensionale raffiguranti degli atleti impegnati nell’atto di compiere le movenze tipiche delle loro discipline sportive. Le immagini, in bianco e nero, sono state installate su delle impalcature ultra-leggere – proprio come quelle che vengono normalmente utilizzate dai muratori. Le opere, collocate a Flamengo, Botafogo e Barra Da Tijuca, interagiscono notevolmente con l’architettura e il paesaggio urbano della città, offrendo una pluralità di diversi punti di vista e risultando quindi apprezzabili sia da vicino che da lontano.

La prima installazione rappresenta un atleta impegnato nel salto con l’asta: la spettacolarità dell’immagine sta nel fatto che l’asticella è in realtà un altissimo palazzo residenziale.

JR_saltatore_OOHtridimensionale

La seconda opera invece rappresenta un tuffatore ritratto proprio nell’atto di gettarsi in acqua, con braccia e gambe tese. In questo caso l’oceano sottostante funge da piscina e la scogliera da trampolino. L’effetto è così particolare da far sembrare l’atleta davvero sospeso in aria.

JR_tuffatrice_OOHtridimensionale

Piccola curiosità: gli atleti rappresentati esistono veramente ma non sono più di tanto famosi o conosciuti. In tutti i tre casi infatti si tratta di atleti che alla fine non sono stati convocati alle Olimpiadi per via di infortuni o semplicemente perché non sono riusciti a superare le qualificazioni e che quindi – come ha detto lo stesso artista “stanno ancora lavorando sodo solo per la passione che nutrono per il loro sport”. Un’opera che sottolinea come, in fondo, tutto possa essere possibile mettendo impegno e passione. Un’idea che ha fatto da padrone durante le Olimpiadi di Rio. Come ha detto l’artista in Brazil, everything’s possible – it’s really hard, but it’s possible(= in Brasile tutto è possibile, può essere davvero dura ma di certo è possibile) – facendo riferimento alla manifestazione sportiva, sicuramente ben riuscita ma che spesso ha presentato dei problemi a livello tecnico e logistico.

Le installazioni, come anticipato precedentemente, sono tridimensionali e creano un effetto davvero bellissimo – andando a modificare sì l’ambiente ma preservando sempre il contesto circostante. Le opere di JR, come quelle di tanti altri artisti che sfruttano la città e interagiscono con l’ambiente, sono nuove modalità di interpretazione della superficie e possono essere d’ispirazione per tante iniziative e progetti di varia natura. La pubblicità, soprattutto quella Out Of Home, sta prendendo sempre più spunto da queste forme artistiche – offrendo così soluzioni coinvolgenti e spettacolari che comunque conservino il rispetto per l’architettura e l’ambiente urbano.

Ph. credits: http://www.designboom.com/tag/jr/