sec hell hacking security blog local root exploits teknoloji blogu turkish hack blog hack tools

La pensilina diventa un jazz club

La settimana scorsa abbiamo parlato della pubblicità e di come questa possa stimolare i nostri sensi; la vista è senz’altro quella che possiamo associarvi più facilmente, oggi vorrei invece esplorare con voi il senso che forse insieme alla vista viene sollecitato maggiormente, ovvero quello dell’udito.

 

Un esempio di come l’udito può essere stimolato attraverso la comunicazione esterna lo possiamo trovare a Pittsburgh dove una nuova fermata dell’autobus è stata trasformata nel più piccolo jazz club del mondo. Una volta fermi sotto la pensilina, si abbandonano i rumori della città, e ci si può abbandonare ai ritmi caldi della musica.

Gli altoparlanti installati nella fermata suonano musica jazz senza sosta, grazie all’iniziativa di una associazione jazz della città, la MCG Jazz, con una qualità del suono talmente alta da far venir voglia di muoversi a ritmo. Grazie al supporto della città stessa, che ha finanziato il progetto, aspettare l’autobus ha assunto un nuovo significato.

Questa non è la vostra solita fermata: piuttosto, questa è il più piccolo Jazz Club al mondo. Oltre ai ritmi funky-fresh, la pensilina è interamente decorata con immagini di musicisti ritratti nella foga del momento musicale, e con il palinsesto della musica trasmessa. Oltre intrattenere i pendolari e rendere l’attesa un po ‘più divertente, la fermata dell’autobus ha come grande obiettivo promuovere il jazz come il più grande prodotto artistico di esportazione Pittsburgh.

Questo fa riflettere sulle enormi possibilità commerciali e creative che le fermate degli autobus offrono in termini di pubblicità e creatività. Iniziative di questo genere sono belle non solo perché sono divertenti e riescono a distrarci, ma soprattutto perché creano valore in questi piccoli momenti di vita quotidiana. Un altro esempio sonoro di grande impatto in ambito di comunicazione esterna è stato il tram evento realizzato da Ceres a Milano, dove l’interno della vettura è stato trasformato in un disco club, con tanto di dj.

 

Ph Credit: Popupcity